24082016-MP7_1712.jpg

MADAGASCAR

Il Madagascar è un’enorme isola al largo della costa meridionale dell’Africa, habitat naturale di migliaia di specie animali, come i Lemuri, che non si trovano in nessun altro luogo al mondo, ed è caratterizzato dalla presenza di foreste pluviali, spiagge e barriere coralline.

28082016-MP7_2544_edited.jpg

Formalità d'ingresso

Vi ricordiamo che per viaggiare in Madagascar è obbligatorio: PASSAPORTO.

Clima

Il Madagascar, l'isola continente dell’Oceano Indiano a cavallo del Tropico del Capricorno, è caratterizzata da una grande varietà di climi legati alla latitudine (1.600 km di lunghezza) e all’altitudine. Se si dovesse generalizzare potremmo dire che i mesi migliori per visitare la maggior parte delle regioni sono Aprile e Maggio e da Settembre a Novembre. Da Dicembre a Marzo c’è la stagione calda delle piogge (estate australe) ed in molte zone le strade possono essere fangose ed impraticabili; in questi mesi la zona settentrionale e la costa orientale possono anche essere colpite da cicloni. Durante l’inverno australe (da Giugno a Settembre) prevale un clima fresco e secco, mentre la zona degli altipiani centrali può essere fredda; il sud e il sud-ovest godono di un clima piacevole con cieli blu e quasi nessuna precipitazione. Nell’est e nel nord-est può piovere in un qualsiasi periodo dell’anno, anche se generalmente nei mesi invernali le piogge non durano a lungo. Lungo la costa occidentale, le temperature si mantengono elevate tutto l’anno ma nei mesi invernali di notte scendono sui 10-15°.

Disposizioni sanitarie

Non è richiesta nessuna vaccinazione. Consigliata la profilassi antimalarica. Raccomandiamo inoltre di portare antirepellenti per le zanzare e in caso di uscite notturne, all’alba o al tramonto consigliamo di indossare abiti con maniche e pantaloni lunghi e di evitare colori scuri, profumi e dopobarba. È consigliabile portare con sé medicinali antipiretici e disinfettanti intestinali.

Per aggiornamenti consultare il sito della Farnesina www.viaggiaresicuri.it.

Cucina

La cucina locale, riflettendo il mix etnico delle varie culture diffuse in Madagascar (araba, cinese, francese, africana e indiana) è fantasiosa e in molti casi squisita. Numerose sono le varianti locali. È prevalente l'utilizzo di riso spesso accompagnato da uno stufato di carne, pesce o verdure con l’aggiunta di alcune spezie. Le più diffuse alternative al riso sono la “soupe chinoise” oppure il “mi sao” ovvero tagliolini fritti con verdure o carne. Lungo la costa abbonda il pesce ed è possibile trovare ogni tipo di bevande, buona la birra e ottimo è il rhum “arrangé” (speziato). Gli alberghi utilizzati servono una buona cucina internazionale abbinata a piatti della tradizione locale. I pranzi sono semplici pic-nic (lunch box) o in ristoranti locali, secondo quanto è disponibile lungo il percorso.

DA SAPERE